Isee-Università: cos’è, a cosa serve, come e a chi richiederla

Isee-Università

Gli studenti che intendono usufruire della riduzione dei contributi universitari rispetto all’importo massimo dovranno, attraverso la propria area riservata del portale Delphi, provvedere ad autorizzare l’Ateneo ad acquisire dalla banca dati dell’INPS, l’attestazione ISEE-Università richiesta entro il 17 dicembre 2018.

Allo studente che non intende avvalersi della riduzione tasse (non presenta un ISEE-Università valido) ovvero ha un ISEE-Università superiore a € 90’000 ovvero non rilascia l’autorizzazione alla sua acquisizione dalla banca dati dell’INPS, è applicata d’ufficio il pagamento dell’aliquota massima della fascia di appartenenza.

Non saranno acquisite attestazioni ISEE che:

  • risultano scadute e quindi non valide
  • presentano omissioni/annotazioni di difformità
  • non sono applicabili alle prestazioni agevolate per il Diritto allo Studio Universitario

Dopo l’acquisizione dell’attestazione ISEE-Università le tasse verranno ricalcolate e non potranno essere inserite nuove attestazioni per l’intero anno accademico.

Cos’è l’attestazione ISEE e a cosa serve

L’attestazione ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente) è lo strumento di valutazione della situazione economica dei soggetti che richiedono prestazioni sociali agevolate; si ottiene combinando e valutando tre elementi: il reddito, il patrimonio e la composizione del nucleo familiare.
Nel caso in cui i genitori non siano presenti nel nucleo familiare, ai fini delle prestazioni universitarie si può fare riferimento al solo nucleo dello studente esclusivamente quando si verificano le situazioni di seguito descritte:

  • Lo studente è residente fuori dall’unità abitativa della famiglia d’origine, da almeno due anni rispetto alla data di presentazione della domanda d’iscrizione per la prima volta a ciascun corso di studio, in alloggio non di proprietà di un suo membro.
  • Lo studente presenta una adeguata capacità di reddito.

Qualora almeno una delle predette condizioni non sia verificata, lo studente è attratto nel nucleo dei genitori.

Ai sensi della normativa vigente, l’unico ISEE valido ad ottenere il calcolo della fascia contributiva d’appartenenza e per accedere alle altre prestazioni erogate nell’ambito del diritto allo studio universitario è l’ISEE-Università valido ad usufruire delle prestazioni agevolate per il diritto allo studio universitario.

Come e a chi si chiede l’ISEE-Università

Per ottenere l’attestazione ISEE per le prestazioni relative al diritto allo studio (ISEE-Università), si deve compilare la Dichiarazione sostitutiva unica (DSU) integrale.

  • La DSU contiene informazioni sul nucleo familiare e sui redditi e patrimoni di ogni componente il nucleo familiare. Deve essere compilata e presentata presso uno dei seguenti soggetti:
  • ai Centri di Assistenza Fiscale (CAF);
  • all’INPS, anche per via telematica attraverso il portale INPS

Il tempo medio per il rilascio dell’attestazione dell’ISEE-Università a seguito della compilazione della DSU è di circa dieci giorni lavorativi.

Poiché per la presentazione della DSU sono richieste informazioni relative ai patrimoni mobiliari/immobiliari e l’ottenimento delle relative attestazioni può richiedere diversi giorni, si invitano gli studenti ad adoperarsi in tempo utile per la presentazione della DSU, rivolgendosi se del caso ai CAF che forniranno tutte le informazioni utili all’ottenimento dell’ISEE-Università.

L’Università non può prestare assistenza nella compilazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica.

Una volta ottenuta l’attestazione ISEE-Università, dall’INPS o dal CAF, lo studente deve collegarsi alla piattaforma Delphi per verificare la corretta acquisizione e il ricalcolo della seconda rata.

Se vengono riscontrate delle anomalie nell’acquisizione dell’ISEE lo studente è tenuto a segnalare il problema scrivendo al seguente indirizzo caf@supporto.uniroma2.it.

ISEE-Università Parificato

Lo studente straniero non autonomo e con familiari residenti all’estero e lo studente italiano con redditi all’estero, che intende usufruire della riduzione dei contributi universitari rispetto all’importo massimo dovrà provvedere ad ottenere l’attestazione ISEE-Università parificato (scheda raccolta dati per indicatore parificato universitario) presso un qualsiasi CAF a livello nazionale.

Lo studente per il rilascio dell’attestazione ISEE-Università parificato dovrà esibire, oltre alla documentazione relativa a eventuali redditi e patrimoni prodotti in Italia, anche quella relativa ai redditi e patrimoni prodotti all’estero di ogni componente del suo nucleo familiare.

Tale documentazione deve essere rilasciata dalle competenti Autorità del Paese in cui i patrimoni e redditi sono stati prodotti, legalizzata e tradotta in lingua italiana dalle Rappresentanze Diplomatiche italiane competenti per territorio e con cambio in euro.

Per quei paesi dove esistono particolari difficoltà a rilasciare tale dichiarazioni, la documentazione può essere richiesta alle Rappresentanze Diplomatiche o consolari estere in Italia e legalizzata dalle Prefetture ai sensi dell’art. 33, del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000.

Per gli studenti stranieri provenienti da uno dei Paesi particolarmente poveri indicati dalla normativa vigente in materia, la valutazione del requisito di reddito viene effettuata sulla base della documentazione rilasciata dalla Rappresentanza italiana nel Paese di provenienza che attesti che lo studente non appartiene ad una famiglia notoriamente di alto reddito ed elevato livello sociale (DPCM 9/4/2001).

Ottenuta l’attestazione lo studente dovrà portare, alla segreteria studenti, una copia dell’ISEE-Università parificato rilasciato dal CAF con copia della certificazione utilizzata per il rilascio di tale attestazione. Successivamente sarà possibile visualizzare la seconda rata ricalcolata sulla base della documentazione prodotta.

Se vengono riscontrate delle anomalie lo studente è tenuto a segnalare il problema scrivendo al seguente indirizzo caf@supporto.uniroma2.it.

Agli studenti stranieri per i quali non è possibile calcolare l’Isee-Università verranno applicate le seguenti tassazioni:

    • per gli studenti dei Paesi in via di sviluppo (DM 9 giugno 2017, n.1455)   tassazione fissa pari a 80% del massimo contributivo della classe di appartenenza del corso;
    • per tutti gli altri paesi una tassazione fissa pari a 100% del massimo contributivo della classe di appartenenza del corso.

Entro quando va richiesta l’attestazione ISEE-Università

L’attestazione ISEE-Università per il diritto allo studio universitario deve essere richiesta entro il 17 dicembre 2018. Appena ottenuta l’attestazione ISEE lo studente deve, attraverso il portale Delphi, autorizzare l’Ateneo all’acquisizione dell’ISEE-U dal portale INPS entro  e non oltre 15 gennaio 2019.
Gli studenti che hanno già richiesto nel corso dell’anno 2018 l’attestazione ISEE-Università (ISEE per il diritto allo studio universitario, con validità fino al 15 gennaio 2019), non devono richiedere una nuova attestazione ISEE-Università per l’iscrizione all’anno academico 2018/19 ma dovranno provvedere ad autorizzare l’Ateneo ad acquisire l’attestazione ISEE-Università dalla banca dati dell’INPS attraverso la propria area riservata del portale Delphi entro il 17 dicembre 2018.

Pertanto, lo studente NON DEVE presentare alcun documento cartaceo agli Uffici dell’Ateneo né deve inviare l’ISEE-Università a mezzo e-mail.

Qualora non venga presentata la DSU entro il termine perentorio del 17 dicembre 2018, lo studente verrà collocato in fascia reddituale massima.

Se la Dichiarazione Sostitutiva Unica(DSU) con cui viene richiesta l’attestazione ISEE-università all’INPS, non viene effettuata entro la scadenza del 17 dicembre 2018 può essere presentata anche successivamente ma verrà applicata una sanzione per il ritardo come riportato nella tabella seguente:

Data presentazione Importo  sanzione
Dal 18 dicembre 2018 al 15 marzo 2019 € 150,00
Dal 16 marzo 2019 al 31 maggio 2019 € 200,00

La sanzione per presentare l’ISEE-Università si cumula con le more per ritardato pagamento delle tasse e contributi.

La sanzione per ritardata trasmissione dell’ISEE-Università non verrà applicata nei seguenti casi:

  • immatricolazione alle Lauree, Lauree Magistrali e lauree magistrali a ciclo unico, qualora l’immatricolazione venga effettuata in data successiva al 1 dicembre 2018;
  • immatricolazione a corsi a numero programmato oltre il 1 dicembre 2018 in seguito allo scorrimento della graduatoria o per concorsi banditi successivamente a tale data;
  • immatricolazione a seguito di trasferimento da altra Università perfezionato oltre la data del 31 dicembre 2018.

 

Lo studente deve conservare l’attestazione ISEE-Università che potrà essere richiesta dall’Ateneo per eventuali controlli.

Dopo l’acquisizione dell’attestazione ISEE-Università le tasse verranno ricalcolate e non potranno essere inserite nuove attestazioni per l’intero anno accademico. Lo studente non potrà effettuare nuove autorizzazioni al fine di richiedere nuove acquisizioni.

 

Raccomandazioni

  • Si ricorda che lo studente che abbiapresentato domanda di borsa di studio Laziodisu, per ottenere la riduzione delle tasse e dei contributi in base al reddito nel caso in cui non gli venga assegnata o gli venga revocata la borsa di studio, dovrà comunque, attraverso la propria area riservata del portale Delphi, provvedere ad autorizzare l’Ateneo ad acquisire dalla banca dati dell’INPS, l’attestazione ISEE-Università richiesta entro il 17 dicembre 2018.
  • Si ricorda che lo studente che abbia presentato “domanda cautelativa”, per ottenere la riduzione delle tasse e dei contributi in base al reddito nel caso in cui non riuscisse a laurearsi in tempo utile, dovrà comunque, attraverso la propria area riservata del portale Delphi, provvedere ad autorizzare l’Ateneo ad acquisire dalla banca dati dell’INPS, l’attestazione ISEE-Università richiesta entro il 17 dicembre 2018.
Condividi la pagina